Manifesto
  Firmatari
  Comitato
  Promotori
  Sostenitori
  Appello per l'educazione
  La Fisica in Moto
  arteducazione
  Polo Didattico Audinot
  Medie Malpighi
  Centro specialistico per l'apprendimento
  Laboratori
  Galileiana
 
  Donazioni
  Sponsorizzazioni
  Pił dai meno versi
  5 x MILLE: un mattone per l'educazione
 
  In primo piano
  Rass. Stampa
  Rass. Fotografica
  Mailing List
  Link utili
  RSS
 
Via S. Isaia 77
40123 Bologna
T 051 6492254
F 051 6492084
info@bolognarifascuola.it
 
Paola Mengoli - mail
news
Forum
scambio file
Rassegna Stampa
newsletter
chat

"Se ci fosse un'educazione del popolo
tutti starebbero meglio"

 

Pubblichiamo di seguito il testo dell’appello che segna l’inizio di una campagna culturale sul tema dell’educazione: si tratta di un invito a rimettere a tema la questione educativa, vera emergenza nazionale che riguarda tutti. Senza educazione, infatti, non c’è futuro.

L’appello è promosso da una cinquantina di personalità del mondo della cultura e dell’economia (elenco firmatari).
E' possibile per ciascuno firmarlo (info@appelloeducazione.it).

La campagna sull’educazione continuerà nei prossimi mesi con incontri e dibattiti nelle città, nelle scuole, nelle università e nei luoghi di lavoro e sui mass media.
L'appello viene presentato in concomitanza con l’uscita della nuova edizione Rizzoli de Il rischio educativo di don Giussani, libro da cui trae origine anche il manifesto ideale di Bologna rifà scuola.


"L’Italia è attraversata da una grande emergenza. Non è innanzitutto quella politica e neppure quella economica – a cui tutti, dalla destra alla sinistra, legano la possibilità di “ripresa” del Paese -, ma qualcosa da cui dipendono anche la politica e l’economia.
Si chiama “educazione”.
Riguarda ciascuno di noi, ad ogni età, perché attraverso l’educazione si costruisce  la persona, e quindi la società. 
Non è solo un problema di istruzione o di avviamento al lavoro.
Sta accadendo una cosa che non era mai accaduta prima: è in crisi la capacità di una generazione di adulti di educare i propri figli.
Per anni dai nuovi pulpiti - scuole e università, giornali e televisioni - si è predicato che la libertà è assenza di legami e di storia, che si può diventare grandi senza appartenere a niente e a nessuno,
seguendo semplicemente il proprio gusto o piacere.
E' diventato normale pensare  che tutto è uguale,
che nulla in fondo  ha valore se non i soldi, il potere e la posizione sociale. Si vive come se la verità non esistesse,
come se il desiderio di felicità di cui è fatto il cuore dell'uomo
fosse destinato a rimanere senza  risposta.
E' stata negata la realtà, la speranza di un significato positivo della vita, e per questo rischia di crescere una generazione di ragazzi che si sentono orfani, senza padri e senza maestri, costretti a camminare come sulle sabbie mobili, bloccati di fronte alla vita, annoiati e a volte violenti, comunque in balia delle mode e del potere.
Ma la loro noia è figlia della nostra, la loro incertezza è figlia di una cultura che ha sistematicamente demolito le condizioni e i luoghi stessi dell'educazione: la famiglia, la scuola, la Chiesa.
Educare, cioè introdurre alla realtà e al suo significato, mettendo a frutto il patrimonio che viene dalla nostra tradizione culturale è possibile e necessario, ed è una responsabilità di tutti.
Occorrono maestri, e ce ne sono, che consegnino questa tradizione alla libertà dei ragazzi, che li accompagnino in una verifica piena di ragioni, che insegnino loro a stimare ed amare se stessi e le cose.
Perché l’educazione comporta un rischio
ed è sempre un rapporto tra due libertà.
E’ la strada  sintetizzata in un libro cruciale nato dall’intelligenza e dall’esperienza educativa di don Luigi Giussani “Il rischio educativo”.
Tutti parlano di capitale umano e di educazione, ci sembra fondamentale farlo a partire da una risposta concreta, praticata, possibile, viva.
Non è solo una questione di scuola o di addetti ai lavori:
lanciamo un appello a tutti,
a chiunque abbia a cuore il bene del nostro popolo.
Ne va del nostro futuro."

commenti(0)
  Inaugurazione Fisica in Moto
  Note sul registro
  Bologna canta Dante
  Inaugurazione CEDARTE
  Inaugurazione Audinot
  Festa dei Bambini
  Udienze Caffarra
  Presentazione
  Dal rumore alla sinfonia
prova aperta con il maestro Hengelbrock
  Emergenza Educazione
inc. con Ferrara, Cesana, Giorello
  Futuro prossimo
inc. con Risč, Allam, Vittadini
  Passione e talento
Inc. con Pupi Avati
 
Invia la tua domanda
  dddddddd
  Sotto l'ombrel[...]
  Un libro per c[...]
  Scuole materne[...]
 
  Convegno
 
Copyright © 2005 Bologna Rifà Scuola Via Sant'Isaia 77 40123 Bologna - Tutti i diritti riservati Legale
.script Daniele Balducci