Manifesto
  Firmatari
  Comitato
  Promotori
  Sostenitori
  Appello per l'educazione
  La Fisica in Moto
  arteducazione
  Polo Didattico Audinot
  Medie Malpighi
  Centro specialistico per l'apprendimento
  Laboratori
  Galileiana
 
  Donazioni
  Sponsorizzazioni
  Pił dai meno versi
  5 x MILLE: un mattone per l'educazione
 
  In primo piano
  Rass. Stampa
  Rass. Fotografica
  Mailing List
  Link utili
  RSS
 
Via S. Isaia 77
40123 Bologna
T 051 6492254
F 051 6492084
info@bolognarifascuola.it
 
Paola Mengoli - mail
news
Forum
scambio file
Rassegna Stampa
newsletter
chat

 

Regalare un libro è regalare qualcosa di sé. Qualcosa che si è incontrato e non lo si vuol tenere gelosamente per sé. Un libro può essere un moltiplicatore di umanità. Mi è riaccaduto di recente, quando due amici di Bologna, straordinari genitori di un bimbo Down, m’hanno donato “La vita è una sfida”, di Clara Lejeune (Cantagalli ed.). Intuivo ovviamente il perché. Clara dedica queste pagine a suo padre Jérôme Lejeune, lo scopritore della trisomia 21, la causa della sindrome di Down. Un figura, quella di Lejeune,  tanto eccezionale da meritare certamente un Nobel, essendo uno degli inauguratori della genetica (una cattedra di genetica a Parigi fu creata per lui). Il Nobel non lo ebbe. Troppo osteggiato per la sua difesa della vita umana. Per un attimo tuttavia sono rimasto perplesso sul libro ricevuto. Temevo un quadretto agiografico, di buoni sentimenti. Poi invece, inaspettato come un regalo, l’incontro, che ripropongo. Sapevo della statura di Lejeune, ma ignoravo una tale profondità umana, tanta dedizione ai suoi malati, la passione per la famiglia, la sua dialettica e le basi rigorosamente scientifiche della sua difesa della vita. E Clara ce lo restituisce in un linguaggio commovente. Quando capì che la  scoperta della trisomia 21 veniva usata per selezionare i feti, anziché per cercare di curarli, Jerome si lanciò in una appassionata difesa pubblica, mondiale, della vita nascente. Sapeva che ci avrebbe rimesso il Nobel. Lo faceva non per ragioni ideologiche, ma perché in quella cellula iniziale c’è tutto il corredo completo e unico di un essere umano. Un umano con qualcosa di eccezionale. Ricorda la figlia: “"Mio padre era un contemplativo e un ammiratore. Spesso ci faceva osservare che la sola vera differenza tra un uomo e una scimmia è la possibilità di ammirazione. Anche gli animali possono amare: conoscono la fedeltà, la tenerezza ed anche il dispiacere. Anche il capire è a loro possibile: capiscono il linguaggio - un cane non viene forse quando gli si fischia?… Ma ammirare un tramonto, ed in esso contemplare il bello, percepire l'infinito e meditare sulla condizione umana, di questo solo all'uomo viene data la grazia". Grazie a questo libro ho incontrato Lejeune ma ho reincontrato anche i due amici che me l’hanno regalato.

 

Gianni Varani,

un genitore

 

 

  Inaugurazione Fisica in Moto
  Note sul registro
  Bologna canta Dante
  Inaugurazione CEDARTE
  Inaugurazione Audinot
  Festa dei Bambini
  Udienze Caffarra
  Presentazione
  Dal rumore alla sinfonia
prova aperta con il maestro Hengelbrock
  Emergenza Educazione
inc. con Ferrara, Cesana, Giorello
  Futuro prossimo
inc. con Risč, Allam, Vittadini
  Passione e talento
Inc. con Pupi Avati
 
Invia la tua domanda
  dddddddd
  Sotto l'ombrel[...]
  Un libro per c[...]
  Scuole materne[...]
 
  Convegno
 
Copyright © 2005 Bologna Rifà Scuola Via Sant'Isaia 77 40123 Bologna - Tutti i diritti riservati Legale
.script Daniele Balducci